servizi offerti > servizio assistenziale


Servizio assistenziale

Riguardano la cura della persona, per soddisfare i bisogni primari, dall’igiene personale alla vestizione, dall’aiuto nel mangiare alla mobilizzazione.
E’ un servizio prioritario e quotidiano che scandisce la vita dell’ospite. Le attività che si svolgono possono variare in funzione alle caratteristiche e ai bisogni degli ospiti e all’evoluzione nel tempo delle loro condizioni di salute.
Viene svolto dagli operatori addetti all’assistenza (Operatori Socio Sanitari) organizzati in gruppi di lavoro stabili  per ogni Modulo, per dare continuità alla relazione  interpersonale con il singolo ospite favorendo un clima confidenziale, familiare e rispettoso.
L’assistenza alla persona privilegia sempre le attività che favoriscono il mantenimento il più a lungo possibile delle capacità di autonomia nella vita quotidiana della persona anziana.  
Se necessario gli operatori di assistenza accompagnano gli ospiti alle attività svolte da altri servizi (riabilitazione, animazione, parrucchiere, ecc.)
Il servizio di assistenza alla persona ha come persona di riferimento il Referente di Reparto, il Capo Nucleo e la Coordinatrice Socio-Sanitaria, ai quali ci si può rivolgere per richieste, informazioni, chiarimenti.
Il Capo Nucleo e la Coordinatrice Socio-Sanitaria organizzano i turni di servizio nelle 24 ore degli operatori di assistenza per garantire la  continuità delle prestazioni .
L’assistenza personalizzata a ogni ospite viene decisa in Unità Operativa Interna, alla quale partecipano, in rappresentanza degli operatori di assistenza,  il Capo Nucleo e la Coordinatrice Socio Sanitaria.

La giornata tipo dell’ospite è la seguente:

  • Al mattino verso le ore 7.00 il personale di assistenza inizia con l’alzata degli ospiti: in questa occasione l’operatore verifica lo stato di salute e si assicura che l’ambiente sia confortevole e funzionale alle esigenze dell’ospite; provvede all’’igiene e cura personale, all’abbigliamento, al servizio della colazione nella sala da pranzo o a letto,  provvede poi al riordino della stanza;
  • Nell’arco della mattinata vengono svolte le attività di assistenza di base, sanitarie- infermieristiche (somministrazione terapia, medicazioni, interventi nutrizionali, rilevazione parametri vitali ecc,,) di fisioterapia individuale, attività educative e di animazione all’interno della struttura e/o esterne (uscite in città , gite …);
  • tra le ore 11.40 e le 12.00 viene  servito il pranzo;
  • dopo il pranzo, l’ospite, se lo desidera, viene accompagnato in camera e messo a letto per il riposo pomeridiano;
  • dopo il riposo  è servita una leggera  merenda e varie bevande calde o fresche;
  • riprendono le attività educative di animazione;
  • la cena  è prevista  attorno alle ore 18.00;
  • gli operatori dopo la cena provvedono alla messa a letto degli ospiti e gli infermieri somministrano le  eventuali terapie;
  • nel corso della notte è presente il personale assistenziale ed infermieristico. Il personale interviene al bisogno nel cambio dei panni, all’eventuale mobilizzazione, alla supervisione e controllo delle condizioni dell’ospite.

Il personale di assistenza effettua il bagno all’ospite in una vasca-doccia ed in  situazioni particolarmente gravi il bagno è effettuato a letto o utilizzando ausili specifici quali, ad esempio, la barella doccia. Il bagno e l’igiene personale sono momenti particolarmente intimi della vita dell’ospite e, in quanto tali, si svolgono in un clima di rispetto e attenzione alla sua dignità.
Durante la giornata il personale provvede all’accompagnamento degli ospiti in difficoltà nei trasferimenti interni alla struttura. Per coloro che sono allettati  o con scarso e/o assente capacità di movimento, il personale provvede alla mobilizzazione e posturazione, al fine di evitare il rischio di piaghe da decubito o altre patologie derivate dall’allettamento.
Questi interventi sono programmati di norma con periodicità costante, di giorno e di notte, per evitare la compressione delle parti del corpo maggiormente a rischio di arrossamento o di piaga, secondo un piano  di mobilizzazione e posturazione.
Ad ogni pasto il personale presta aiuto nell’alimentazione o provvede ad imboccare l’ospite.
La somministrazione di liquidi è effettuata più volte durante la giornata in base al bisogno di ogni singolo ospite, come prevenzione al rischio di disidratazione.

La gestione dell’incontinenza avviene attraverso un progetto personalizzato che tiene conto del tipo di incontinenza, dei presidi più adeguati e dei possibili interventi di prevenzione e/o riabilitazione sfinterica.